LA PAROLA RIVELATA
- Home - - Chi siamo - - W.M. Branham - - E. Frank - - Diretta Krefeld - - Streaming - - Diretta Zurigo - - Photogallery -


NAVIGAZIONE


Interviste
Libri e Opuscoli
Meditazioni
Raccolta Canti
Riassunto Riunioni
Riunioni Predicatori
Sermoni Audio
Sermoni Video
Studi Biblici
Trasmissioni Televisive
William Branham


RICERCA

Cerca:


Newsletter

Nome

Cognome

Indirizzo e-mail

 Privacy


Siti Web Consigliati

Predicazioni in differenti lingue: www.misia.sk

:::::::::::::::::::::::::::::

Opuscoli e libri in lingua italiana: Missione Popolare Libera





 

 

 

 William Branham

La Colonna di fuoco sul capo del fratello Branham è la stessa che fu con Mosè e col popolo d’Israele, la stessa Luce dalla quale il Signore parlò a Saulo, sulla via di Damasco, quando egli sperimentò la sua conversione. Questa Colonna di fuoco stava sul capo del fratello Branham nell'ora della sua nascita.

I suoi genitori, pur non essendo credenti, presi da un sacro rispetto, piansero dinanzi al Signore, avendo visto, con i loro occhi, quella Luce e sapendo di trovarsi alla Sua presenza. Inoltre, due giorni dopo, quando membri della famiglia arrivarono per vedere la madre ed il bambino, questa Colonna di fuoco si trovava sopra la testa del bambino, visibile a tutti i presenti.

Tale fenomeno fu visto, per la prima volta, l’11 Giugno 1933, da circa 4.000 persone. Al termine della sua prima campagna d'evangelizzazione sotto la tenda, il fratello Branham tenne un servizio di battesimi nel fiume Ohio, dove centinaia di persone furono battezzate, secondo il modello biblico.

Mentre stava per battezzare la 17a persona, egli pregò: «Oh, Dio, come io battezzo in acqua, voglia Tu battezzare con lo Spirito Santo e col fuoco!» Erano, all’incirca, le 2:00 del pomeriggio, quando, improvvisamente, la Colonna di fuoco, simile a una stella, visibile a tutti, credenti e non, emerse dalle nuvole. Tutta la folla rimase sbalordita e un sacro timore s’impossessò di loro. Essa scese e si fermò sopra il fratello Branham. Allora si sentì echeggiare una voce che si rivolgeva al fratello Branham: «Come Giovanni Battista fu inviato come precursore della prima venuta di Cristo, così tu sarai inviato con un messaggio quale precursore della seconda venuta di Cristo!».

Cari fratelli e sorelle, cari amici, questa non è affatto un'invenzione, è la realtà, nel vero senso della parola, qualcosa che possiamo constatare e vedere con i nostri occhi. Troppe cose si sono manifestate perché possiamo passare oltre senza prestarvi attenzione, soprattutto quando sappiamo che i doni e le vocazioni di Dio sono irrevocabili. Qui abbiamo a che fare con un uomo, vissuto nella nostra generazione, che Dio aveva stabilito profeta fin dalla sua nascita.

William Branham nacque il 6 Aprile 1909, in una piccola capanna di legno, tra le montagne del Kentucky, vicino a Burkesville. Già all’età di tre anni, egli ebbe le prime visioni e, a sette anni, il Signore gli parlò da un turbine che agitava la cima di un albero, dicendo: «Non bere né fumare mai, non contaminare il tuo corpo in alcun modo, poiché, quando sarai più grande, avrai un’opera da compiere».

Chi era quest’uomo che il Signore poteva benedire e usare in modo così straordinario? Un uomo senza cultura, semplice e umile, che predicava nelle piccole come nelle grandi assemblee. Fino ad oggi, non è mai successo, in alcun luogo, quel che accadde, col fratello Branham, nelle riunioni di Durban, in Sudafrica, quando sette autocarri pieni di barelle, lettighe, bastoni ortopedici e stampelle girarono per la città, accompagnati da una folla che cantava: «Sol abbi fe’, sol abbi fe’, tutto è possibile, sol abbi fe’».

Egli era un uomo che aveva compassione dei poveri e che fu invitato da molti sovrani ed alte personalità. Persino Giorgio VI, l'ultimo re d'Inghilterra, lo invitò a venire e pregare per lui, il che avvenne durante uno scalo in Inghilterra, in occasione del suo viaggio verso la Finlandia.

Nel 1946, un angelo del Signore si presentò a lui, la sera del 7 Maggio, intorno alle 11:00, dicendo: «Sono stato inviato a te, dalla presenza dell’Iddio onnipotente, per dirti che è giunto il tempo della fine. Dio ti ha dato un dono di guarigione per l'umanità. Se rimani umile e ubbidiente dinanzi a Dio ed ottieni che la gente ti creda, nessuna malattia, nemmeno il cancro, potrà resistere alla tua preghiera». L'angelo del Signore gli spiegò in che modo si sarebbe manifestato il primo dono, al quale, dopo un certo tempo, se ne sarebbe aggiunto un secondo, tramite il quale avrebbe potuto discernere, per rivelazione divina, cosa vi era nell’intimo della persona per la quale avrebbe dovuto pregare. Infatti, poteva dire alla gente quali erano i loro nomi, la natura delle loro malattie, da quale paese provenivano, quante volte erano state operate, in quale città e in quale via abitavano, etc. Si può affermare, con certezza, che mai nessun uomo, ad eccezione del Signore, abbia avuto un simile dono.

Cosa aveva in animo di fare Dio? Quest’uomo poteva presentare cinque certificati medici per attestare che cinque morti erano stati risuscitati. Secondo la testimonianza del fratello Branham, tramite la potenza di Dio, furono, in tutto, sette le persone risuscitate. Gente divorata dal cancro fu guarita. Sordi, muti e storpi vennero sanati. Inoltre, anche delle persone nate cieche poterono vedere.

Il 22 Dicembre 1962, il fratello Branham vide, in una visione, quel che si sarebbe realizzato il 28 Febbraio 1963. Quel giorno, poco prima che il sole tramontasse, il Signore parlò al fratello Branham da una nuvola, dicendo: «Vai verso levante e torna a Jeffersonville, donde sei venuto, poiché il tempo di aprire i Sette Suggelli è giunto».

La nuvola, dalla quale Dio aveva parlato, era enorme come una grande e potente luce, nella quale stavano sette angeli che formavano una piramide. Il fratello Branham disse d’esser stato avvolto in questa nuvola e attirato alla piramide. Il dott. James McDonald, dell’Università di Tucson — Arizona, scrisse diversi rapporti in merito. Era per lui incomprensibile che una nuvola, pervasa di luce, la quale rimase sospesa nel cielo ancora per 28 minuti dopo il tramonto locale del sole, potesse essere ad un’altezza di 26 km. Da una parte, egli argomentò che, a quell’altezza, la formazione di nubi era impossibile, dall’altra parte, non arrivò a dichiarare che questa apparizione era un fenomeno soprannaturale. La rivista americana “Life” pubblicò un breve rapporto a questo proposito, nell’edizione del 17 Maggio 1963. Già il 19 Aprile 1963, il periodico “Science” pubblicò un rapporto molto più dettagliato, con la fotografia della nuvola, addirittura, sul frontespizio.

Quando il fratello Branham predicò sui Sette Suggelli (dal 17 al 24 Marzo 1963), affermò che in ognuno di quei sette giorni, verso le ore 15:00, dalla Colonna di fuoco, che si trovava, per un certo tempo, nella sua camera, il Signore gli rivelava l’esatto significato del suggello corrispondente. Non si era mai visto, in una tale pienezza e in così breve tempo, ciò che Dio ha fatto in questa nostra generazione.

Forse qualcuno dirà: “Perché non abbiamo udito parlare prima di tutte queste cose?” Questo dovreste chiederlo ai vostri predicatori che, per diverse ragioni, vi hanno celato quanto Dio ha operato nella nostra generazione.

Un'analisi precisa e sincera della persona di William Branham e del Messaggio ch’egli portò da parte di Dio, accompagnato da miracoli e da segni straordinari, dovrebbe convincere ognuno che abbiamo realmente a che fare con un profeta di Dio, che doveva venire prima che giunga il giorno del Signore, giorno grande e spaventevole.

In Malachia 4:5, sta scritto: «Ecco, io vi mando il profeta Elia, prima che venga il giorno del Signore, giorno grande e terribile». Nel Nuovo Testamento, in Matteo 17:11, Gesù dice, in modo inequivocabile, che Elia deve ancora venire: «Certo, Elia deve venire e ristabilire ogni cosa».

Il compito che Dio ha affidato a questo profeta, e che egli ha portato a termine secondo la Scrittura, era di “ristabilire ogni cosa”. La sua missione consisteva nel portare al popolo di Dio, nella nostra generazione, la pura dottrina originale degli apostoli e dei profeti, senza alcun miscuglio, poiché soltanto la verità della Parola di Dio ci può rendere liberi da ogni errore. Ma l’umanità si è talmente abituata alla menzogna che fatica a credere la verità.

Cari lettori, non si tratta di un uomo e della nostra presa di posizione verso di lui, no, ma di Dio e della Sua Parola che Egli ha annunciato, in questi nostri giorni, al Suo popolo per bocca del Suo servitore e profeta. C’è qualcuno che pensa di conoscere la Parola meglio di un profeta di Dio, al quale il Signore ha parlato tramite tante visioni e rivelazioni, fin dalla sua infanzia? Tutto ciò che è stato annunciato da parte del Signore, tramite questo servo di Dio, è giusto al 100% e non c’è nessuno al mondo che possa dimostrare che anche una sola rivelazione o profezia non abbia avuto il suo compimento.

Dio non ha mandato un profeta affinché passassimo così sbadatamente accanto a quel che egli disse, ma affinché la nostra attenzione fosse di nuovo indirizzata sulla Parola di Dio, affinché potessimo sentire e credere il «Così dice il Signore».

Cari fratelli e sorelle, il tempo è giunto di investigare le Sacre Scritture e ritornare ai giorni della Bibbia, ai giorni degli apostoli, all’insegnamento della Bibbia e alla pratica apostolica. Possa Dio benedirvi.

***



  KREFELD 2 DICEMBRE 2017 - EWALD FRANK

 

  TRASMISSIONE IN DIRETTA: 28 NOVEMBRE 2017

Il tempo stringe, il ritorno del Signore è vicino. Perciò unisci il tuo sforzo al nostro nel recare quest’ultimo e prezioso Messaggio al popolo di Dio. Bisogna che il popolo di Dio senta “ciò che lo Spirito dice alle chiese”.
Ti invitiamo a seguire le nostre trasmissioni ogni martedì e giovedì alle 21:15. (Clicca qui)  

  DIRETTA DA KREFELD: 2 E 3 DICEMBRE 2017

Le Riunioni in diretta dal "Centro Missionario di Krefeld", possono essere ascoltate in lingua italiana ogni primo fine settimana del mese. Il sabato alle ore 19:30 e la domenica alle ore 10:00(Clicca qui) 

  RIUNIONE IN DIRETTA DA ZURIGO: 26 NOVEMBRE 2017

Le Riunioni in "Diretta Video" da Zurigo, possono essere ascoltate in lingua italiana ogni ultima domenica del mese alle ore 14:00 - (Clicca qui)  


 


NOVITA'



Riassunto Riunioni Dicembre 2017

Predicazione Video - Ewald Frank


Disponibilità:

NOVITA'



Kuwait 16.11.2017

Predicazione Video - Ewald Frank


Disponibilità:

NOVITA'



Yaoundè (camerun) 11.11.2017

Predicazione Video - Ewald Frank


Disponibilità:



PRIMO PIANO

:::::::::::::::::::::::::::::

::::::::::::::::::::::::::::::

 

:::::::::::::::::::::::::::::

 



Collegamenti:

 

Freie-Volksmission

Missione Popolare Libera

Freie Volksmission Zürich

www.misia.sk

www.mcsw.org.za

www.evanghelia.ro

Assemblea Cugir Romania

www.v-evangelie.info

Eglise d'Abijan (Costa D'Avorio)

 

 

COMUNITA' CRISTIANA
Via Aldo Moro,18
Piazza Armerina (EN)


Numero visite dal 29-09-2005:

contatore per sito

 

© La Parola Rivelata